Le ultimissime
ItaliaFreePress

Agli obesi l’influenza dura di più

Estimated reading time:0 minutes, 57 seconds

L’obesità incide non solo nelle complicazioni dell’influenza (tra cui l’aumento dell’ospedalizzazione e la morte), ma anche nel modo in cui l’influenza stessa si diffonde. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sul Journal of Infectious Diseases e realizzato dalla Università del Michigan. I risultati suggeriscono che gli adulti obesi infettati dall’influenza rimangono con il virus per un periodo più lungo rispetto agli adulti non obesi, aumentando potenzialmente la possibilità che l’infezione si diffonda agli altri. Analizzando i dati raccolti da circa 1.800 persone in 320 famiglie a Managua, in Nicaragua, i ricercatori hanno scoperto che adulti obesi con sintomi influenzali e virus influenzali hanno avuto il virus per il 42 per cento più a lungo rispetto agli adulti senza problemi di peso. Tra le persone obese infette da influenza che erano solo lievemente malate o che non avevano sintomi, la differenza era ancora maggiore: questi adulti obesi avevano il virus dell’influenza A per il 104% più a lungo rispetto agli adulti non obesi. I ricercatori però non hanno trovato alcuna associazione con l’obesità e la durata della diffusione del virus dell’influenza B, che in genere causa una malattia meno grave negli adulti e non causa pandemie.

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Ad