Le ultimissime
ItaliaFreePress

Alcune mosse di danza di Michael Jackson sfidano la gravità ma sono un trucco

Estimated reading time:1 minute, 42 seconds

Alcune mosse di danza di Michael Jackson sembrano sfidare le leggi di gravità e sono diventate un cult per molti fan. Tanti hanno provato a ballare come lui senza riuscirci. In particolare, in un suo video musicale del 1987, “Smooth Criminal”, l’artista si piega in avanti di 45 gradi, con il corpo dritto e le scarpe appoggiate sul palco, e mantiene la posizione. Sembra impossibile, considerato che la maggior parte degli umani può inclinarsi in avanti di soli 20 gradi, anche se i ballerini addestrati potrebbero raggiungere 25 o anche 30.

Talento, magia o entrambe le cose? Se lo sono chiesto tre neurochirurghi del Postgraduate Institute of Medical Education and Research di Chandigarh, in India, che hanno pubblicato uno studio sul Journal of Neurosurgery: Spine, scoprendo che il trucco c’è, oltre alle indubbie capacità atletiche. Nel video, Jackson ha raggiunto la sua inclinazione ‘miracolosa’ usando fili che sostenevano parte del peso e lo tenevano in equilibrio.  Ma in tour voleva essere in grado di eseguire la mossa dal vivo.

Ecco che aiuto extra è arrivato da speciali calzature (per cui è stato preso spunto da quelle degli astronauti) con una fessura nel tallone a forma di V che si bloccava in un piolo sollevato dalla pista da ballo. Il piolo teneva ancorato Jackson a terra mentre si inclinava, e poi i tecnici potevano ritrarlo prima che si rialzasse. “Essendo un appassionato fan sono sempre stato affascinato dalle sue mosse di danza”, spiega il co-autore della ricerca Manjul Tripathi. “Da bambino, le ho provate più volte ma ho fallito miseramente, specialmente con quella di Smooth Criminal. Durante il training neurochirurgico, mi sono interessato nuovamente a questa mossa misteriosa e ho trovato il trucco”. “Diversi fan di MJ, inclusi gli autori, hanno provato a copiare questa mossa e hanno fallito, spesso facendosi male nei loro sforzi”, ammoniscono gli studiosi. “Le probabilità di lesioni alla caviglia – conclude Tripathi- sono significative: si ha bisogno di muscoli forti e di un buon supporto intorno alla caviglia, non è un trucco semplice”.

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista