Le ultimissime
ItaliaFreePress

Chi cammina vive più a lungo

Tempo di lettura stimato: 1minuto, 13secondi

C’è un legame diretto fra il numero di passi che una persona compie ogni giorno e la sua longevità. Lo indica un nuovo studio australiano che ha monitorato per un periodo di 15 anni un campione di 3000 persone, di età media 59 anni all’inizio della sperimentazione. Nello studio del George Institute for Global Health e il Menzies Research Institute in Tasmania, pubblicato su Plos One, ogni partecipante era stato dotato di un pedometro per misurare il numero di passi compiuti quotidianamente. E’ emerso che una persona sedentaria che aumenta il numero di passi da 1000 a 10 mila al giorno, sette giorni a settimana, riduce il rischio di mortalità del 46%. Se aumenta il numero a 3000 al giorno cinque giorni a settimana, il rischio si riduce del 12%. E l’associazione fra numero di passi al giorno e mortalità è largamente indipendente da fattori come indice di massa corporea e fumo. Ricerche precedenti avevano misurato l’attività fisica solo per mezzo di questionari. Questo è il primo studio a usare pedometri per stabilire il legame fra esercizio e ridotta mortalità nel tempo, in persone apparentemente sane all’inizio, scrive l’autore dello studio, l’epidemiologo di malattie non comunicabili Terry Dwyer. “L’esercizio può essere visto ora come mezzo potenziale per aumentare la longevità. Sappiamo da questa ricerca che il numero di passi quotidiani è inversamente associato alla mortalità da qualsiasi causa”, aggiunge Dwyer. E osserva che “i pedometri e i congegni per misurare l’esercizio sono ormai a portata di mano di tutti e tutti se ne dovrebbero avvantaggiare”.

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Nessun commento

Lascia un commento

UA-104110657-1