Le ultimissime
ItaliaFreePress

Il senso di fame batte quello di sazietà

Estimated reading time:1 minute, 14 seconds

Dopo aver fatto una lunga dieta il senso di fame può rispuntare spietato. E’ il risultato di uno studio pubblicato sull’American Journal of Physiology – Endocrinology and Metabolism realizzato dall’Università norvegese di scienza e tecnologia. Secondo la ricerca, infatti, i livelli di ormoni che controllano la fame e la sazietà aumentano sì dopo la perdita di peso, ma è possibile che sul lungo periodo ci sia un aumento della fame. Gli studiosi hanno analizzato un gruppo di persone con una grave obesità (con un indice di massa corporea superiore a 40) e li hanno sottoposti a un programma di perdita di peso. Il piano è durato circa due anni e, tra le visite, i partecipanti sono stati incoraggiati a mantenere un regime dietetico corretto e un esercizio fisico quotidiano. Il team di ricerca ha misurato i livelli degli ormoni di fame e di sazietà nel sangue dopo le prime quattro settimane dello studio e ancora dopo uno e due anni di continua perdita di peso. Dopo un mese il senso soggettivo di sazietà dei volontari dopo un pasto è rimasto invariato, ma è diminuito ai controlli dopo uno e due anni. Il senso di fame, invece, è aumentato significativamente dopo uno e due anni. A questa percezione soggettiva è contraddistinto un dato scientifico: il team di ricerca infatti ha riscontrato aumenti nei livelli degli ormoni della fame e della sazietà dopo uno e due anni di perdita di peso sostenuta. Tuttavia, la spinta degli ormoni della fame sembrava ignorare l’aumento degli ormoni della sazietà.

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista