Le ultimissime
ItaliaFreePress

Sembra strano, ma ci sono le regole per non dimenticare i bimbi in auto

Estimated reading time:1 minute, 16 seconds

Mai più bimbi dimenticati nelle auto roventi sotto il sole estivo. Questo l’obiettivo del gruppo KidsAndCars.org, che si occupa di fare prevenzione sul fenomeno e su tutti gli altri potenziali pericoli che riguardano i bimbi in auto negli Usa, dove solo quest’anno (e siamo agli inizi della stagione estiva) sono 16 i bimbi deceduti dopo essere stati dimenticati nell’abitacolo arroventato dell’auto e in media ogni anno 37. Dal gruppo arrivano sei semplici regole di sicurezza, per seguire il principio cosiddetto del “Look before you lock” (Guarda prima di chiudere). 1) Rendere una routine aprire lo sportello posteriore dell’auto ogni volta che si parcheggia per vedere se c’è il bambino. 2) Collocare qualcosa di cui si ha bisogno, come un cellulare, un badge per i dipendenti, una borsetta o un computer di lavoro, sul sedile posteriore per ricordarsi di aprire lo sportello ogni volta che si parcheggia. Fare questo significa che se per caso si lascia il veicolo senza l’oggetto, si torna a prenderlo e ci può accorgere della eventuale presenza del bimbo. 3) Chiedere al personale della scuola dell’infanzia di chiamare se il bambino non è arrivato come previsto. 4) Tenere un animale di pezza in macchina. Metterlo sul sedile del passeggero anteriore come promemoria quando il bambino è sul sedile posteriore. 5) Tenere i veicoli sempre chiusi, in modo che i bambini non possano accedervi. Mai, quindi, lasciare le chiavi a loro portata di mano. 6) Se il bimbo non si trova, cercare immediatamente nell’abitacolo e nel bagagliaio di tutti i veicoli nell’area dove, se lasciati aperti, il piccolo potrebbe essere entrato.

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista