Le ultimissime
ItaliaFreePress

 Stare seduti molto tempo può far male al cuore

Estimated reading time:1 minute, 31 seconds

Stare seduti molto tempo al giorno, da 10 ore in su, può far male al cuore. Più si trascorre tempo sulla sedia infatti, e più aumentano nel sangue i livelli di troponine, le proteine cioè che vengono rilasciate nel sangue dalle cellule cardiache quando vengono danneggiate o muoiono. Lo ha verificato il Dallas Heart Study pubblicato sulla rivista Circulation. Già da tempo si sa che con la vita sedentaria aumenta il rischio di diabete, di malattie cardiache e di scompensi che indeboliscono il cuore e non risponde in modo adeguato allo sforzo. Per questo i cardiologi hanno iniziato a studiare le troponine e vedere se hanno un ruolo. Quando c’è un infarto, ne vengono rilasciate nel sangue come uno tsunami. Ma anche a livelli leggermente elevati, seppur più bassi di quelli di un attacco cardiaco, sono preoccupanti: averle sempre alte indica che qualcosa non va nel muscolo cardiaco e che c’è un danno in corso, che può portare ad un’insufficienza cardiaca. In questo nuovo studio condotto dall’università del Texas, i ricercatori hanno esaminato i dati sulla salute cardiaca di 1.700 uomini e donne, escludendo chi aveva già malattie cardiache o sintomi come dolore al petto e respiro corto. Controllando le troponine nei loro campioni di sangue e i tracciati della loro attività fisica hanno visto quanto si erano mossi nell’arco di una settimana. Molti erano rimasti seduti per 10 o più ore per la maggior parte dei giorni, e avevano fatto raramente esercizio. Alcuni lo facevano camminando, e per quanto limitata fosse, questa attività fisica era associata a normali livelli di troponine. Hanno così visto che chi si muoveva di più aveva meno troponine nel sangue, mentre chi stava seduto almeno 10 ore aveva in media livelli più alti di troponina nel sangue, anche se inferiori a quelli di un infarto, ma sufficienti a costituire un danno cardiaco senza sintomi.

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista

Direttore di italiafreepress.it, giornalista professionista