Le ultimissime
ItaliaFreePress

Il teatro in scena a Fasano: il cartellone

Estimated reading time:2 minutes, 24 seconds

di Giovanni Quaranta

Un tubetto di crema di bellezza con lo slogan “Il teatro vi fa belli” è il significativo promo dell’undicesima edizione del Festival Nazionale di Teatro “Di scena a Fasano”, organizzato dal Gruppo di Attività Teatrali “Peppino Mancini”, direttore artistico Mimmo Capozzi, con il patrocinio del Comune di Fasano, del Festival Costa dei Trulli e della Federazione Italiana Teatro Amatori. E sì che proprio per dare una ribalta al teatro amatoriale era nata originariamente questa interessante manifestazione, prima di evolvere, grazie al successo via via riscontrato, in una rassegna che di dilettantistico ha ormai solo le radici e la passione, offrendo invece ogni anno una serie di spettacoli che non hanno nulla da invidiare a quelli delle più affermate compagnie professionistiche.

Nella consueta ed elegante sede del Teatro Sociale di Fasano, gioiellino ottocentesco ristrutturato e ammodernato, andranno quindi in scena anche questa volta otto rappresentazioni, di cui la prima e l’ultima sono fuori concorso, mentre le restanti sei si disputeranno non solo i canonici riconoscimenti riservati al migliore spettacolo, alla migliore regia, al miglior attore e alla migliore attrice, ma anche un piccolo montepremi in denaro.

Serata di apertura sabato 5 ottobre con Una volta nella vita, commedia messa in scena dal gruppo “Quanta brava gente” di Grottaglie, incentrata su un groviglio di storie personali fra ironia e dolore, speranza e rassegnazione. Secondo spettacolo il sabato successivo, 12 ottobre, con La cattedrale del gruppo teatrale “Costellazione” di Formia, libera rielaborazione del classico Notre Dame de Paris di Victor Hugo. Domenica 20 ottobre il terzo appuntamento con il famoso Caviale e lenticchie di Scarnicci e Tarabusi, piccolo capolavoro della comicità e cavallo di battaglia di Nino Taranto, presentato dalla compagnia “Teatro Club Gino Roma 1972” di Torre del Greco. Venerdì 25 ottobre sarà la volta dell’atto unico Euridice, reinterpretazione del mito in chiave moderna, a cura del gruppo “Al Castello” di Foligno. Poi due domeniche consecutive: il 3 novembre con Bon mariage, riflessione sul tema del matrimonio e della coppia, presentata dal “Teatro Impiria” di Verona; il 10 novembre con Il dubbio dei “Giardini dell’Arte” di Firenze, storia di un abuso perpetrato da un prete. Il penultimo spettacolo andrà in scena sabato 16 novembre: si tratta di Dritto al cuore del “Teatro del Sorriso” di Ancona, durissimo confronto fra un carceriere israeliano e un prigioniero palestinese. Gran finale sabato 23 novembre con La gabbia dei genovesi “Amici di Jachy”, atto unico fuori concorso incentrato su una storia di terrorismo, al quale seguirà la cerimonia di premiazione.

Gli spettacoli domenicali avranno inizio alle ore 19.00, mentre negli altri giorni il sipario si aprirà alle ore 21.00. Abbonamenti agli otto spettacoli in prevendita al Palazzo Pezzolla di Fasano (ore 10-12 e 18-20): poltronissima € 70,00, poltrona A € 65,00, poltrona B € 60,00, poltrona in galleria € 55,00. Biglietto per il singolo spettacolo: 12 euro in platea, 10 euro in galleria (riduzioni per studenti).