Le ultimissime
ItaliaFreePress

Il Viagra rosa non funziona

Estimated reading time:1 minute, 59 seconds

Niente da fare per le donne in cerca di emozioni forti. Flibanserin, l’omologo femminile del Viagra, non sembra funzionare, almeno secondo quanto sostengono i ricercatori olandesi dell’Erasmus University Medical Center di Rotterdam guidati da Loes Jaspers, che spiega: «Il trattamento con Flibanserin ha prodotto in media mezzo “evento sessualmente soddisfacente” in più al mese, introducendo in modo clinicamente e statisticamente significativo il rischio di vertigini, sonnolenza, nausea e fatica». 
In base a questi scarsi risultati, quindi, secondo gli scienziati olandesi andrebbero organizzati studi più approfonditi sulla sostanza prima di poterla raccomandare all’interno di linee guida specifiche. Andrà considerato in particolare il suo effetto in caso di comorbidità, nelle donne in terapia farmacologica per altra causa o in menopausa chirurgica.
Mauro Busacca, vice presidente della Società italiana di ginecologia e ostetricia (Sigo) e ordinario all’Università di Milano, commenta: «Già si sapeva che l’attività del farmaco è modesta, non molto superiore al 30% dei casi e gli effetti collaterali erano già stati riportati in precedenza. Del resto la Food and Drug Administration
aveva aspettato prima di approvarlo nell’agosto dello scorso anno, proprio perché c’erano state segnalazioni di questo tipo e in Italia non è mai stato messo in circolazione». 
Il team olandese ha effettuato una metanalisi degli studi disponibili, individuandone 8 per un totale di 5.914 donne. La differenza prodotta dal farmaco rispetto al placebo, in termini di soddisfazione sessuale, è stata di appena lo 0,49 per cento in più. Ciò spiega anche i dati di vendita del farmaco, molto più bassi del previsto e incomparabilmente inferiori rispetto a quelli fatti registrare dal Viagra per gli uomini.
Il Flibanserin era stato ideato come soluzione ai problemi depressivi. In quell’ambito si era rivelato scarsamente efficace, mentre al contrario in fase di sperimentazione si è mostrato discretamente valido nel trattamento del Disordine da Desiderio Sessuale Ipoattivo, ovvero la scarsa propensione per i rapporti sessuali presente in alcune donne.
La patologia è caratterizzata dalla diminuzione dell’interesse o del desiderio sessuale con conseguente disagio personale o difficoltà nei rapporti interpersonali. Alcuni studi indicano che una donna su cinque soffre di diminuzione del desiderio sessuale.
A differenza del Viagra, Flibanserin non si prende prima del rapporto sessuale. La terapia dura settimane e agisce su quella che viene definita da alcuni una vera e propria malattia invalidante: il calo del desiderio femminile. La molecola ha effetti direttamente sulle zone del cervello femminile associate al piacere e alle emozioni. Effetti troppo limitati, affermano ora i ricercatori.