Le ultimissime
ItaliaFreePress

Scuola, studenti delle superiori ancora a casa per una settimana

Estimated reading time:2 minutes, 0 seconds

Sarà emanata forse oggi la nuova ordinanza della Regione che regolamenterà la scuola in Puglia nelle prossime
settimane.

Nella tarda serata di ieri, intanto, si è concluso l’incontro al quale hanno partecipato il Direttore dell’USR Puglia, Anna Cammalleri e gli assessori regionali Sebastiano Leo (istruzione) , Pier Luigi Lopalco (Sanità) e Anna Maurodinoia (Trasporti). 

I rappresentanti dei sindacati partecipanti all’incontro (FLC CGIL CISL SCUOLA SNALS-CONFSAL FGU ANIEF) hanno espresso parziale soddisfazione per i seguenti aspetti: per quanto riguarda il secondo grado la Regione ha dato la disponibilità a posticipare il ritorno alla didattica in presenza di una settimana purché si elimini l’opzione della didattica a domanda individuale.

«L’assessore – spiegano i rappresentanti sindacali – si è detto disponibile ad accogliere la nostra richiesta di posticipare il rientro a scuola, mantenendo l’attuale assetto, fino alla realizzazione del piano sanitario per la scuola che sarà portato in delibera nei prossimi giorni per trovare realizzazione presumibilmente a partire dal prossimo 1 febbraio».

Sempre per il secondo grado, è stato chiesto che il rientro a scuola (probabilmente al 50%) avvenga con la scelta del turno unico evitando lo scaglionamento degli ingressi. D’altro canto, un rientro al 50% non richiederebbe modifiche importanti al sistema dei trasporti. «La nostra proposta ha incontrato il favore degli assessori e quindi tutto lascia intendere che sarà accolta nella prossima ordinanza. Ovviamente occorrerà trovare una sintesi tra l’ordinanza regionale e le varie disposizioni prefettizie».

Gli stesi sindacati hanno continuato ad esprimere la totale contrarietà per alcune questioni: «Non è più accettabile la scelta della Regione di lasciare alle famiglie la facoltà di optare tra frequenza in presenza o frequenza da casa e, per questo, abbiamo chiesto con decisione che la prossima ordinanza non contempli questa possibilità».

Questo modello di “didattica mista” sta sfiancando inutilmente il personale scolastico e sta abbassando notevolmente la qualità della formazione e dell’istruzione, senza tener conto delle oggettive difficoltà che stanno incontrando soprattutto gli studenti più fragili con il serio rischio di un considerevole aumento della dispersione scolastica.

«Abbiamo ribadito che deve essere salvaguardata e valorizzata l’autonomia delle singole istituzioni scolastiche lasciando alle scuole la possibilità di azione sui delicati temi della didattica, dell’organizzazione e della giustificazione delle assenze. Ci aspettiamo però che anche queste nostre istanze siano accolte nella prossima ordinanza: esse sono la sintesi di ciò che operatori scolastici, studenti e famiglie chiedono», concludono i rappresentanti die sindacati che hanno preso parte all’incontro di ieri sera.