Le ultimissime
ItaliaFreePress

Sì al progetto per il restauro della struttura sportiva di Cala Batteria

Estimated reading time:1 minute, 33 seconds

Con Delibera n. 199 del 18 novembre 2020 la Giunta Comunale, su proposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici Giovanni Palmisano, ha approvato il progetto definitivo relativo all’intervento di Rigenerazione dell’impianto sportivo di esercizio per la disciplina del canottaggio di Cala Batteria” (nello specifico per il lotto “Preparazione atleticadell’importo di € 350 000.

Per l’intervento il Comune di Monopoli si è aggiudicato un finanziamento regionale di 100 mila euro nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di interventi volti al potenziamento del patrimonio impiantistico sportivo delle amministrazioni comunali (Deliberazione di Giunta Regionale n. 1379 del 23 luglio 2019), risultando tra i 180 finanziabili e ottenendo il finanziamento massimo previsto (la restante parte di € 250.000 sarà coperta da risorse comunali).

Il progetto generale per la rigenerazione dell’impianto sportivo dell’importo di € 620.000 è stato redatto dall’arch. Maria Tiziana Netti e comprende tre lotti funzionali (Preparazione atletica, Deposito nautico e Prospetto).

L’intervento è volto a valorizzare e recuperare la struttura sportiva utilizzata per l’espletamento della disciplina del canottaggio e sede della Asd. Circolo Canottieri Pro Monopoli. In particolare, il lotto in questione prevede interventi per gli ambienti destinati alla preparazione atletica (sala remoergometri e sala pesi) con gli annessi servizi (wc, spogliatoi e docce) nonché la sala del consiglio direttivo e gli annessi locali di archivio e deposito. L’intervento mira principalmente a garantire l’accessibilità (realizzazione wc e docce per disabili, abbattimento barriere architettoniche), a dotare gli spazi dei servizi richiesti dalle norme igienico sanitarie e dell’impiantistica sportiva (rifacimento e ampliamento wc, spogliatoi e docce), a garantire la sicurezza strutturale (rifacimento strutture dei soppalchi), a eliminare fattori di rischio incendio (rimozione rivestimento plastico presente sulle pareti e compartimentazione dal deposito nautico), ad adeguare le dotazioni impiantistiche (impianto elettrico, impianto estrazione aria ed impianto idrico) ed infine a garantire la conservazione delle strutture murarie (risanamento dei paramenti murari interni).