Le ultimissime
ItaliaFreePress

Raffreddore, tutti i rimedi: va bene anche l’antistaminico

Estimated reading time:1 minute, 8 seconds

Il naso tappato, che ci impedisce di respirare benedurante il giorno e, soprattutto, durante la notte, è uno dei sintomi più fastidiosi dell’influenza e del raffreddore. Una notte passata con il naso chiuso significa svegliarsi con la bocca secca e senza la sensazione di aver riposato davvero bene.

Gli esperti consigliano di utilizzare decongestionanti in spray, gocce o nebulizzatori, che contengono vasocostrittori, sostanze che riducono il gonfiore della mucosa irritata e diminuiscono la produzione di muco.

Attenzione a non usarli troppo spesso: il principale effetto collaterale è intasare il naso ancora di più. Durante la notte, utili anche i cerotti nasali che, tramite due barrette rigide, bloccano le cartilagini del naso facilitando il passaggio dell’aria e permettendoci di respirare e riposare bene.

Possono essere utili i lavaggi nasali con soluzione fisiologica, fino a quattro-cinque volte al giorno. Sia i lavaggi, sia gli spray possono essere associati agli antipiretici.

E se il naso gocciola (rinorrea) e gli occhi lacrimano? Puoi chiedere in farmacia un antistaminico a base di desclorfeniramina o clorfenamina, ideale anche in caso di semplice raffreddore. Va assunto per via orale, in compresse o gocce, in base al dosaggio che ti consiglia il medico o che leggi sul foglietto illustrativo (le dosi variano a seconda del farmaco e della potenza del principio attivo).