Le ultimissime
ItaliaFreePress

Scoperta e benedetta, nella sede della Plastic-Puglia, la statua marmorea dedicata a Paola Lilly Colucci

Estimated reading time:1 minute, 21 seconds

La grande famiglia della Plastic-Puglia ha ricordato questa mattina, nella sede del’azienda, la compianta titolare nonché direttrice amministrativa del Gruppo industriale, Paola Lilly Colucci, in occasione del primo anniversario della sua scomparsa. Alla cerimonia, particolarmente toccante, hanno presenziato il padre, il Grand’Ufficiale Barone Vitantonio Colucci, fondatore e presidente del Gruppo Plastic-Puglia, la mamma, signora Tonia, il fratello Emiliano e la sorella Miriam.

In occasione dell’evento, che ha raccolto intorno alla famiglia tutti i dipendenti, gli amici e numerose autorità civili e religiose, è stata scoperta la statua marmorea dedicata a Lilly, fortemente voluta da tutti i lavoratori della Plastic-Puglia.

Il monumento, collocato nel viale alberato dell’azienda, reca la scritta “Vi ho profondamente amato, perchè voi amaste a vostra volta”. E’ stato benedetto, dopo un breve momento di raccoglimento in preghiera, dal parroco della Chiesa del Sacro Cuore don Michele Petruzzi che questa sera, alle 19, celebrerà nel medesimo luogo sacro una Santa Messa in suffragio.

Nel corso della cerimonia è intervenuto il Grand’Ufficiale Colucci, che ha ringraziato i presenti per la loro partecipazione, tratteggiando brevemente la figura di Lilly, descritta come “anima nobile e generosa, fulgido esempio di attaccamento all’azienda alla quale ha dedicato 27 anni della sua breve vita, contribuendo significativamente alla sua crescita ed al suo sviluppo in Italia e nel mondo”. Il Barone Colucci ha altresì ricordato le attività dell’Associazione umanitaria intitolata a Lilly Colucci, nata nell’agosto scorso e che si occupa fattivamente di aiutare e tutelare le fasce più deboli della popolazione.

Nella foto di Giovanni Barnaba, da sinistra il dr. Emiliano Colucci, la signora Tonia Colucci, la dr.ssas Miriam Colucci e il Grand’Uff. Barone Vitantonio Colucci.